Microclismi

Lettera di presentazione

7 anni ago, Scritto da , Pubblicato in Blog

Ci sono delle cose che mi stanno seriamente preoccupando: l’altra sera ho passato due ore su Skype con l’amico Matteo a discutere su come fare una lettera di presentazione e su come impaginare un curriculum. Riporto stralci di conversazione perché argomentare l’accaduto mi spaventa:

… “Salve o buongiorno?”, “mmmh… Salve è troppo informale…”, “…e sì però buongiorno! magari aprono la mail in piena notte… stona”, Senti Marta, un po’ di regole fondamentali… meglio sapere il nome della persona con cui parli in modo tale da mostrare che ti sei informato… bisogna essere molto personalistici!”,“Mi sono appena laureata con … metto il voto secondo te?” “Quanto hai preso tu?”,“110 e lode”,“no no no… sa di autocelebrativo non metterlo… allora ti dicevo… poi bisogna scrivere come sei venuto a conoscenza che loro esistono…per esempio… ho trovato il vostro sito molto interessante”,“ma è troppo leccaculo dai!”, “ascoltami: poi bisogna dire perché li hai contattati: devi usare un linguaggio molto semplice e diretto, chiara… capito? della serie sono interessata alla posizione… penso che il mio profilo potrebbe rispondere a quello da voi ricercato… diciamo che chiedi un colloquio ma sei una professionistapoi: il curriculum deve essere impaginato bene… ti piace questo font… ci ho pensato tutto il pomeriggio… l’ho cambiato trenta volte… aspetta che te lo mando… ecco vedi com’è chiaro?… tac periodo, tac datore di lavoro, tac posizione ricoperta… vedi? devi immaginarti che questo è sulla sua scrivania con una marea di pensieri per la testa e deve assumere uno” “… va bene”,no! non va bene… non deve assumere uno … deve assumer te! sei tu la persona che cerca… mentre scrivi la lettera di presentazione devi pensare… perché dovrebbe scegliere me? perché proprio me? … loro non hanno tempo di leggere e bisogna colpirli subito con qualcosa: per esempio io voglio dare l’idea di essere un tipo molto adattabile e flessibile per cui ho messo tutti i lavori che ho fatto anche nel bar o nel sociale… così loro diranno… però! questo tipo non è rimasto certo con le mani in mano… quindi è uno sveglio che se la cava!”,“Matteo stai delirando!”,“no è così ti dico … tu devi proiettarti al posto loro …. io penso ogni giorno così… allora io apro il mio bel cassettino e mi arriva questo cv tra le mani no… allora questo si chiama Matteo… cosa ha fatto? mmmhhh è laureato in economia… mmmmhh ha fatto un corso di russo… mmmhh ha vinto un dottorato… così capito?”, “Matteo mi stai spaventando!!!”. “No Marta, sii seria: allora non devi essere aggressiva ma neanche dare l’impressione di insicurezza. Chiara ma non arrogante. Per esempio leggimi come l’hai scritta!”, “Vi invio il mio cv in attesa di risposta”, “Ecco, in attesa di risposta è arrogante!”, “Non è arrogante!”, “E’ chiaro che tu ti aspetti una risposta ma loro non sono tenuti a dartela”,“Mat, secondo te va bene cordialmente?”Cordialmente va sempre bene…”, “grazie o ringraziando virgola e sotto il nome?”, “Grazie… ringraziando… no meglio grazie”,“Mille grazie?”, “No! è troppo familiare…. senti qua: auspicando in un incontro?”, “orribile”, “sperando”,“no, sperando è da poveracci”. “Ti leggo io: vi contatto in merito alla segnalazione sul vostro sito relativa alla posizione…”, “Matteo?” , “Si?” ,“io mi sono già persa…”, “ Vorrei candidarmi?”, “Troppo elettorale”. “Matteo scusa, ma non possiamo inviare solo il cv? abbiamo fatto delle cose, le facciamo presenti, e poi vedano loro…”,“Secondo me così non ci chiamano…” ,“Confidando in una Vostra risposta…”, “No! non sono tenuti…”, “Ma ho scritto Vostra con la V maiuscola!”, “Non c’entra, anzi fa peggio, fa distanza”. “Questo è il problema: o è troppo formale o è troppo familiare?”, “infatti la difficoltà sta nel renderlo diretto semplice e chiaro e allo stesso tempo umile…”. “Una cosa che secondo me funziona sempre è… colgo l’occasione per augurarvi qualcosa…”,“Cosa?” “non so magari aspettiamo pasqua così possiamo augurargli buone festività pasquali…”, “mancano tre mesi!” “hai ragione”,“basta il week end forse!… augurandovi un piacevole week end…” “Marta?” “eh?” “siamo stanchi adesso… andiamo a dormire, domani ci sarà tutto più chiaro e avremo un pensiero più lucido…”. “Matteo scusa adesso vedo… perché hai messo tutto in bold?”,“perché è maschile… ma tu fallo più femminile… metti un font più graziato… il mio è un po’ fascista…”,“Hm” “Marta?”, “Che c’è?” ,“Pensi sia fascista…? non mi è venuto in mente adesso ‘sta roba… forse è troppo romano? troppo imponente?”. “Matteo andiamo a berci una birra per favore?”, “Adesso?” , “Adesso!”, “fra un quarto d’ora da Marino?”, “okay portiamo anche il cv dopo averci lavorato un po’ sopra?”
“…”
“…”
“…”
“Va bene”.
“Va bene dai a dopo!”

Microclisma di oggi: abbiamo passato un quarto di secolo per costruirci un curriculum e adesso dobbiamo impegnarne un altro quarto per impaginarlo.

Copywriter, autrice e giornalista Laureata Magistrale in Lettere e Filosofia con Master in Comunicazione e specializzazione in Copywriting.

6 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *