Microclismi

Con morbiii – stenza!

6 anni ago, Scritto da , Pubblicato in Blog

Il primo posto nel trashume pubblicitario di questo momento è conteso: se la giocano la Morbistenza della cartaigienica Tempo e l’ultima fantastica trovata della Moment la quale ha rincorso un sentiero creativo strabiliante: capsule “molli”, “Mollie” nome proprio.

Concentriamoci intanto sulla prima e parliamo della realtà… allora innanzitutto basta dare tutta questa importanza alla carta da culo: la gente che vedo io al supermercato alle otto di sera sale con il piede sullo scaffale, agguanta la carta tipo scaricatore di porto, bestemmia per la sua INGOMBRANZA (parola più antica e quindi più vera), scaraventa la confezione nel carrello, e infine controlla che la marca non imponga lo stesso prezzo del filetto della macelleria; poi voglio dire io non conosco nessuno che abbia aperto una conversazione con sè stesso riguardante la consistenza del quadretto igienico (se escludiamo quelli delle Ferrovie dello Stato), e non ho neanche mai assistito ad una dialogo tra umani dove si dica “No guarda prova la Tempo! è miracolosa!” come si fa ad esempio con una crema idratante. “Trovi? Io penso che la Foxy sia inarrivabile sul versante resistenza…”. E quindi mi chiedo quanta gente si sia davvero galvanizzata all’idea di regalare al suo culo la nuova qualità morbistenzosa. Comunque.

I nostri ragazzi ce l’hanno messa tutta proprio e si sono anche molto preoccupati affinché tutti cogliessero questa favolosa diade morbidezza e resistenza: hanno quindi inventato due nastri trasportatori separati che trascinano cosa? Cose molto morbide e cose molto resistenti naturalmente… wow! Allora a etichettare la parte della resistenza troviamo due leoni bronzei, sul versante morbidezza invece due infiocchettate pecorelle di peluche. E questo è già un momento molto molto alto. Quindi da una parte scorrono bulloni, incudini, catenacci, stivali… dall’altra,  batuffolini di cotone, robe gelatinose, e pure l’orsetto!  (ecco qui grande nostalgia per il Coccolino anni ottanta, che si sarebbe sicuramente imbarazzato davanti una cosa simile). Alla fine tutto confluisce in una sorta di vaschetta centrifuga dalla quale poi scorre il rotolo.

E qui.
Solo qui.
L’acme dell’operazione:

Lo speaker dice: “Tempo. La nuova cartaigiiienica”

(poi fa una piccola pausa sospirata ed emozionata… perché la sta per dire la parolina nuova-rivoluzionaria-frutto-di-una-sintesi-eccezionale…)

E infine, con una commovente inflessione di entusiasmo trattenuto…
(piccolo brivido…) esclama:

“Con Morbiii – stenza!”

Microclisma: Io chiamo morbistenza la forza interna che devo tirare fuori quando ho quattro borse della spesa + una confezione di cartaigienica da trascinare a casa. In quei momenti però non visualizzo peluche, al limite le balle dei leoni bronzei. E soprattutto mi si centrifuga qualcos’altro.

Copywriter, autrice e giornalista Laureata Magistrale in Lettere e Filosofia con Master in Comunicazione e specializzazione in Copywriting.

5 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *