Microclismi

La casa dov’è?

7 anni ago, Scritto da , Pubblicato in Blog

Bene. Sono in una casa che non conosco, dentro a un condominio che non conosco, in un rione che non conosco, nella parte di città che non conosco. 

Intorno a me ci sono solo degli stradoni trafficati.
Non ho la più pallida idea di dove portino.
Ottimo. Molto, molto, molto bene. 

“Beh, una situazione ideale per fare nuove scoperte!” mi sto ripetendo da ieri pomeriggio ad alta voce per evitare un attacco di panico seguito da sindrome da isolamento.

Quindi ho respirato profondamente e ho cominciato a muovere i miei primi passi a Prato Centenaro (rione in cui vivo da 24 ore).

Dunque: ho pensato di cominciare dalle cose più vicine a me per poi muovermi a cerchi concentrici verso l’esterno sempre più esterno. Mi è sembrato quindi giusto cominciare dalla credenza:

“Oh-oh vediamo cosa c’è qua dentro… ma sono dei simpatici bicchieri colorati!”
“Esploriamo… oh ma è stupendo! non occorre che compri uno scolapasta!”
“Un vasetto per i fiori! l’ho metto al centro del tavolo, toh!”

Comunque. Guardando fuori dalla finestra mi rendo conto di avere delle importanti informazioni di sopravvivenza: so che il tram numero 31 porta alla stazione della Metropolitana e che dall’altra parte della strada c’è una pizza al taglio.

“Serve altro?”
“Assolutamente no”
“Domani se voglio pranzo e poi scappo di qua”

Va detto: il professore di Italiano che mi affitta l’appartamento mi dà molta sicurezza… vivo in stanze di cultura e mi sembra una cosa importante. Se penso a quante pagelle sono state compilate dalla scrivania sulla quale scrivo adesso! in effetti me lo chiedevo spesso al Liceo…  chissà che razza di casa ha  il mio Prof. di Italiano e adesso, dopo 10 anni, me ne faccio finalmente un’idea…
Sì.
Devo dire che qui è tutto molto ordinato e confortevole. Mi ambienterò.

Ci sono solo due particolari che mi spaventano:

  1. la moquette rossa in camera da letto che mi ricorda l’Overlook Hotel (ma forse l’ha messa la sua trisavola…)
  2. lo stendipanni condominiale (in giardino) che non so se utilizzerò perché ho paura di incontrare la vecchietta di Ace Gentile (già intravista ieri sera… mia dirimpettaia)

Supererò. Con calma farò mio questo posto ho pensato ieri.
E oggi ho fatto subito la mia piccola grande scoperta: curiosando tra i libri di Storia e Italiano ho trovato alcuni Simenon tra cui uno che ho letto qualche anno fa.  Ho sorriso, il Microclisma è stato immediato.

Microclisma: Se in un appartamento che non conosci trovi anche UN solo libro che hai già letto, ti senti subito a casa.

E mi viene voglia di dire al Professore: Eccolo, il potere della Letteratura.  



Copywriter, autrice e giornalista Laureata Magistrale in Lettere e Filosofia con Master in Comunicazione e specializzazione in Copywriting.

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *