Microclismi

Karpathos (Stefano da Lodi)

6 anni ago, Scritto da , Pubblicato in Blog

Non che avessi l’idea di una vacanza super-movimentata ma non avevo nemmeno preventivato uno scenario balneare dove si trovassero solo i seguenti soggetti:

Famiglie.
Aggregazioni di più famiglie.
Coppie giovani innamoratissime.
Aggregazioni di coppie giovani innamoratissime.
Coppie anziane innamoratissime (tra cui quella friulana).
Aggregazioni di coppie anziane innamoratissime.

Karpathos mi era stata venduta come l’isola dei surfisti, quindi vedere una cinquantenne che spalma la crema protezione 50 sul consorte obeso e peloso non era esattamente il mio sogno estivo. Poi c’erano anche dei graziosi bambini, sì, carini, uno di loro si è pure steso sul mio asciugamano offrendomi il ciuccio, però… ecco… il tutto era un pò lontano dalla proiezioni con cui ero partita. Allora mi metto d’accordo con le due sirenette e si decide di andare in cerca delle disco notturne per colorare un attimo la situazione. Ne troviamo una, si chiama Fever, il nome promette benissimo.

In realtà al Fever arriviamo distrutte dal Safari giornaliero, per cui entriamo come tre trichechi marini che hanno solo voglia di bere un ouzo per poi schiantarsi a dormire. La scena di noi al Fever è stato qualcosa di decadentissimo: Giulia compilava cartoline con grande impegno calligrafico chiedendomi di tanto in tanto di formulare delle rime simpatiche del tipo “…siamo alla paralìa e non vogliamo più andar via!” e Susanna si guardava intorno spaesata pensando nostalgicamente al suo Alessio.

E lì, in quel preciso momento, come deus ex machina, arriva Stefano da Lodi.

Un personaggio improbabile si alza pericolosamente da un divanetto lontano (abbandondando gli amici), e con passo inquietantemente sicuro si dirige verso di noi. Mentre si avvicina noto tutta la sua bruttezza, tutta la sua tamarraggine, tutte le sue intenzioni.

“Heilà! ciao ragazze! c’avete ‘na sigaretta?”

Giulia che stava leccando francobolli (sarà stato quello che ha destabilizzato Stefano da Lodi), con noncuranza mista a stizza gli porge una sigaretta dicendo semplicente “Tieni!”. Susy rimane con lo sguardo sul nulla, mentre io lo squadro e ordino un altro ouzo per tirarmi su il morale.

A quel punto, Stefano da Lodi, sorprende tutte noi.

SDL: “No, ma… in realtà la sigaretta… ecco… era solo una scusa per conoscervi!”
GIULIA: “Allora non ti dispiace se me la riprendo… comunque davvero molta fantasia tu eh? dico… la scusa della sigaretta… ”

Per niente umiliato Stefano da Lodi ride apertamente, RESTITUISCE LA SIGARETTA, e continua nel suo moto sincero:

SDL: “Sapete, ero da mezz’ora in effetti che pensavo a quale scusa inventarmi, ma in realtà io non fumo, non ho mai fumato in vita mia… e neanche i miei amici laggiù fumano…”
SUSANNA: “Uau! Eccitante argomento.”
SDL: “Io comunque sono qui a fare il kite surfing!”
SUSANNA: “?”
SDL: “Mi presento dai intanto… io sono Stefano, Stefano da Lodi!”
GIULIA (sospirando): “Stefano da Lodi, perché non ci provi con le greche?… che magari con loro funziona il gioco della sigaretta!”
SUSANNA: “Guarda, quella laggiù… è carina…”
SDL: “Ma no! ma a me piacciono le italiane!!!… e anche a miei amici!!!, comunque questa spiaggia qua vicino è perisolosisssssima per il kite surfing, dicono che si rischia la morte! ma noi ci siamo andati lo stesso oggi e come vedi siamo qui!!”
SUSANNA: “..??? “
GIULIA (sospirando): “Stefano da Lodi, direi che il tuo approccio si è chiaramente rivelato fallimentare”

SDL: “Okay. Allora vado?”
GIULIA: “Vai…”
SDL: “Vado veramente…”
GIULIA: “Vai veramente… sì…”
SDL: “Ciao allora… ciaoooo……”
IO: “…comunque sei simpatico Stefano da Lodi, ciao…”
SUSANNA: “ma poi cos’è il kite surfing?
GIULIA: “Ci interessa?”

Mi è dispiaciuto per Stefano da Lodi, che è arrivato così scoperto davanti alle due gemelle acidità. E allora mi sento di riscattarlo oggi il nostro Stefano da Lodi.

Microclisma: c’è un pò di Stefano da Lodi in tutti noi, tutti noi almeno un giorno nella vita siamo stati un pò Stefano da Lodi. E allora io dico grande rispetto per Stefano da Lodi che fa il kite surfing e non fuma.

Allego questa fantastica trashata e la dedico a tutti coloro che non hanno ancora imparato l’abbordaggio vincente.


Copywriter, autrice e giornalista Laureata Magistrale in Lettere e Filosofia con Master in Comunicazione e specializzazione in Copywriting.

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *