Microclismi

La Chiesa dalle finestre che ridono

6 anni ago, Scritto da , Pubblicato in Blog

Stamattina, quando mi è arrivata la notizia, ho pensato di non aver mai letto niente di così fantasioso in termini di cronaca locale… anche se noi – devo dire – ci difendiamo benino di solito, dico, noi del Piccolo di Trieste: eh sì, ci teniamo a rendere sempre puntualmente noto all’Italia intera in che splendida ridente cittadina mitteleuropea noi viviamo.

Alcuni esempi?

“Multato e rimultato, attacca i vigili con la scure”
“Brillantante al posto della grappa. Cinque in ospedale”
“Guarda le stelle, morsa da una volpe”
“Mi ruba la posta. Accoltellato dal vicino”
“Si butta dalla finestra per non pagare la prostituta”
“Muore in casa davanti a Facebook”
“Con il tosaerba si recide le dita dei piedi”
“Dammi i soldi o ti accetto le mani”

Però devo dire che sto giro Campobasso ha dato il meglio di sé. Vera o inventata che sia io dico che è comunque un primato assoluto, un copione da dare in mano a Pupi Avati per farci il seguito del “La casa dalle finestre che ridono”.

Attenzione:

“Ostie impastate con farina allucinogena. Vecchiette sballate vedono i santi”

Riporto alcuni stralci meravigliosi:

“…Secondo il giornale qualcuno diceva di avere visioni dei santi, altri abbracciavano il crocifisso, due vecchine si sono messe a inseguire il prete, prendendolo a borsettate e gridando Lei è il demonio…”

“…Sarebbe stato appurato in seguito che si è trattato di un caso di «ergotismo», ossia di una intossicazione alimentare causata da farine di cereali inquinate dagli sclerozi della segale cornuta, cioè dal principio di base dell’Lsd…”

“…A don Achille, che nel frattempo era stato costretto a rifugiarsi in sagrestia… non è rimasto altro da fare che chiamare la polizia per far sgomberare la chiesa…”

“…Secondo i racconti di chi era presente, un uomo in divisa avrebbe paragonato le difficoltà a quelle incontrate durante il servizio del G8…”

Microclisma: Campobasso oggi batte Trieste ho pensato, ma poi, la piccola terra natìa mi ha subito risollevato l’umore con questo titolo: “Caccia grossa all’ospedale di Cattinara. Un piccione in sala operatoria”.

Non c’è tregua. È colpo su colpo ormai.

Copywriter, autrice e giornalista Laureata Magistrale in Lettere e Filosofia con Master in Comunicazione e specializzazione in Copywriting.

4 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *