Microclismi

Bossi e il Franco Svizzero

6 anni ago, Scritto da , Pubblicato in Blog

Tralasciamo sul perchè mi trovo in una banca a cambiare dei franchi svizzeri. Un’avventura che meriterebbe un libro dedicato. Ad ogni modo…

…entro in banca e vado allo sportello dove incontro il Signor “Bancario”.

Io: “Buongiorno dovrei cambiare questi franchi in Euro… può aiutarmi?”
Bancario: “Certamente!”

Li prende e li conta serissimo con l’arietta compita e concentrata tipica del bancario.
Nel mentre che vedo il suo sfogliare disinvolto di banconote noto delle faccie assurde sui vari tagli. Col mio solito candore dico:

Io: “Scusi chi è quella!? che brutte facce che ha questa gente!”
Bancario: “Chi? questa sulla banconota? sa che non lo so… sembra una donna… c’è scritto Sophie… Sophie qualcosa… questo qui invece… vediamo… Le-co-rbu-sier… Mah..”
Io: “Credo sia un architetto…”

Improvvisamente alza il sopracciglio e mi fa l’occhiolino. L’occhiolino di chi ti sta per rivelare un scoop pazzesco.
Un po’ mi spavento.

Bancario: “Ma la sai una cosa, carina?”
Per un attimo mi suona come un tentativo di seduzione per cui rimango spaesata in attesa…
Bancario: “Lo sa lei chi c’è sulla banconota da cento?”
Io: “No, ma vedo che anche lei ha una passione per l’argomento facce-sulle-banconote?!”
Banchiere: “Bossiiiiiiiiiiiii!!!!!!”

E ride a crepapelle. E dice “Bossi” e si gira verso il collega vicino di sportello che lo guarda e non contestualizza ovviamente per cui io gli dico (al collega) “banconota da cento, franco svizzero!”

Tutti i clienti si girano.  il direttore sbianca.

Io: “Ma dai? ma Bossi Bossi?”
Continua a ridere come un matto, e urla “Bossi Bossi” per tutta la filiale.

Io: “Scusi la prego me lo può far vedere che lì non c’è la banconota da cento?”
Banchiere: “Hahahahaha! no aspetti, (lacrime agli occhi),  aspetti che LE SPIEGO: ovviamente non è Bossi quello vero ma è uguale sputato a lui… hahahaha!”
Io: “avevo colto che non era lui! ” (e rido anch’io contagiata…)

Insomma dal di fuori io e il bancario sembravamo uno spettacolo incomprensibile e surreale. Sembrava ci conoscessimo da una vita: io, lui e Bossi.

Redarguito dal direttore il bancario si ricompone. Si asciuga le lacrime con il palmo e mi guarda:

Bancario: “Mi scusi eh? ma mi faceva troppo ridere… ecco qui, ecco i suoi soldi”
Io: “Grazie. Peccato però…”
Bancario: “Per cosa?”
Io: “…Che non ho visto la banconota con la facci…”
Bancario: “Ahahahahahagagahha! la smetta… la smetta che mi licenziano!”

Microclisma: il bancario piu fuori controllo che abbia mai conosciuto nella storia. Secondo me era ossessionato dalla  Lega Nord. In effetti però, a guardare…

Copywriter, autrice e giornalista Laureata Magistrale in Lettere e Filosofia con Master in Comunicazione e specializzazione in Copywriting.

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *