Microclismi

Intercity 9716

6 anni ago, Scritto da , Pubblicato in frecciarotta

Intercity 9716.
ore 12.50.

Non riesco a dormire perché di fronte a me c’è una donnina tutta intenta a digitare cose sul portatile che fa un casino pazzesco, sospira, parla da sola, ed è tutto un click click clack. Classica isterica da viaggio che ormai riconosco a colpo d’occhio. A un certo punto questa si spazientisce, sbuffa, si gira verso l’uomo alla sua destra e se ne esce così:

“Scusi ha un caricatore?”
“Come prego?”
“Per il pc!”
“Un caricabatteria?”
“Sì!”
“…ma non credo che il mio entri nel suo signora perché ognuno ce l’ha diverso sa?!”
“Ah sì? no perché quello di mio marito entra nel mio anche se è diverso, è per quello che glielo chiesto… ho detto magari anche questo va…”
“Guardi, eccolo qua Signora… provi a vedere se va… ma io non credo… veda un po’ se entra…”
“…”
“…”
“…”
“Uff! non va!”
“…eh glielo detto…”
“E come faccio che devo lavorare!!?”
“Eh Signora non so… ma lo ha dimenticato a casa?”
“Eh sì! ma io adesso che faccio… mica posso permettermi di perdere tutte queste ore di lavoro!!”

“Ma deve scrivere o deve mandare mail importanti Signora?”
“Eh, devo prima scrivere e poi mandare la mail! cavolo…”
“Signora se è una cosa urgente mi detti quello che deve scrivere facciamo col mio, poi glielo metto su una chiavetta vuota che ho… che gliela regalo poi…”
“no no no, anche lei deve lavorare… no adesso vediamo quanto mi dura… io devo lavorare però… ”
“Come vuole, ma è una cosa scabrosa che deve scrivere? privata? vuole scrivere lei senza che io veda e poi metterselo nella chiavetta lei stessa?”
“no no no, lasci…”
“Guardi che sto guardando un film, non sto facendo cose importanti!”
“no io… lei è stato gentilissimo ma non voglio… io voglio solo un caricatore… vado che magari qualcuno ha quello che mi entra nel mio…”
“…mmm… ognuno c’ha il suo… è molto difficile che lei trovi quello che entra Signora…”
“Questo non significa che io non possa provarci!!!! forse uno entra! adesso vado a chiedere nell’altra carrozza se qualcuno ha un caricatore!”
“Signora però si dia una regolata qui perché io volevo solo aiutarla sa… e lei è molto maleducata!”

Poi mi guarda. Io sono basita.

“Mamma mia che gente… CHE GENTE… ma vedrà! vedrà che non lo trova! e io a quel punto non glielo presto mica il mio!”

Guardo fuori dal finestrino: DESENZANO.

Microclisma: Si può ogni volta che si prende un treno fare questi bagni di grottesco?

 

Copywriter, autrice e giornalista Laureata Magistrale in Lettere e Filosofia con Master in Comunicazione e specializzazione in Copywriting.

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *