Microclismi

Milano da Bare corre sul numero 60

4 anni ago, Scritto da , Pubblicato in progetti

Quando mi hanno proposto di pubblicare Milano Da Bare ho avuto un attimo di titubanza. Ho pensato che probabilmente le persone avevano decisamente di meglio da fare che leggere il libro di una perfetta sconosciuta e che probabilmente gli scenari descritti nella Milano da Bare avevano impressionato solo me, o me e pochissimi altri. Anche adesso penso questo in realtà, ma devo ammettere che di tanto in tanto qualcuno mi cerca e mi scrive e mi dice che ha letto il mio libro e che lo ha trovato molto bello e che voleva farmi i complimenti: sono attimi di non trascurabile felicità devo dire. Quindi oggi pubblico una mail che mi è arrivata da un’estimatrice che mi scrive spesso, mi segue, mi pubblicizza, mi sostiene e quando nota qualcuno con il mio libro in mano… me lo dice!

Milano. Questo pomeriggio. Autobus numero 60. Mi avvicino alla porta perché scendo alla prossima. Si avvicina anche un giovane uomo, distinto, belloccio, che apre la custodia del suo iPad e inizia a leggere. Io penso: ma sono veramente esauriti questi qua a Milano. Come cazzo fai a leggere da un computer quando sei in piedi che stai per scendere da un autobus? Ecco, vedi? Io guardo dal finestrino. Vedo la fermata che si avvicina. Provo trepidazione. Guardo chi salirà. Ma che legge questo qua di così importante?

Testo su fondo bianco.
Titolo del capitolo: “Il buio oltre l’ufficio”
E io penso: ecco, bravo, rifletti sulla tua esistenza. Il buio oltre l’ufficio è proprio azzeccatissimo per il tuo caso.
Ghigno.
Si aprono le porte.
Lui scivola via richiudendo la custodia dell’ipad.
Scendo anch’io, con più calma, mentre velocemente mi assale un presentimento.
Il buio oltre l’ufficio. Suona familiare. Vuoi vedere che…
Oh, sì! È proprio così!
Devo fermare quel tipo!
Ma è già svanito, inghiottito da Milano da bare!!!”

Microclisma: mi domando quanti uomini giovani, distinti e bellocci abbiano apprezzato il mio libro senza che io lo sappia? E’ una variabile che forse non ho valutato (e sfruttato) adeguatamente.

Ad ogni modo, continuate a leggere. Seduti, distesi, sugli autobus, in piedi, facendo una capriola, correndo, mangiando, anche quando siete in riunioni solitarie. La lettura di Milano da Bare è perfetta per qualsiasi momento.


Copywriter, autrice e giornalista Laureata Magistrale in Lettere e Filosofia con Master in Comunicazione e specializzazione in Copywriting.

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *