Microclismi

Milano da bare è diventato un e-book

4 anni ago, Scritto da , Pubblicato in progetti

Milano da bare lo trovi qui.
Un grazie speciale alla mia fonte di inesauribile ispirazione. Un grazie speciale a:

– i milanesi che a Milano ci sono nati e che quindi, probabilmente, non capiranno mai questo libro.
– i milanesi che sono arrivati a Milano negli anni Ottanta e che hanno apprezzato profondamente la Milano da bere, bevendosela tutta.
– i milanesi che hanno amato profondamente Milano perché scappavano da qualcosa di peggiore, di Milano.

– i milanesi di adozione che hanno imparato a venire a patti con Milano, domandola, nonostante tutto.
– i milanesi che detesto Milano e ogni anno dicono vado via e poi non vanno via.
– i milanesi che odio Milano ma ormai ho comprato casa.
– i milanesi che odio Milano ma se ti fai il week end sul lago va meglio sai?
– i milanesi finché la carriera okay, ma i figli si crescono da un’altra parte.
– i milanesi che sono milanesi per il solo fatto che sono costretti a lavorare in un palazzo che ha sede a Milano.
– i milanesi che non conoscono Milano perché vivono dentro a una macchina sulla circonvallazione esterna e hanno domicilio in una città limitrofa.
– i milanesi che vengono da altri continenti la cui cultura è stata serenamente obliterata da quella imperante, e cioè quella milanese.
– i milanesi che sono nati milanesi, ma in un’altra città. Arrivano tutti il prossimo anno.
– i milanesi che hanno raggiunto Milano per poter giustificare la loro frustrazione.
– i milanesi che si sforzano di diventare milanesi ma senza successo perché non è proprio nella loro natura.
– i milanesi che si sono trasferiti a Milano perchè hanno pensato che la metropoli poteva combattere la loro solitudine. E si sbagliavano. Ma lo hanno scoperto troppo tardi.
– i milanesi che sono venuti a vivere a Milano essendo nati nella peggiore provincia, e non torneranno mai indietro, comunque.
– i milanesi che sono venuti a vivere a Milano essendo nati nella migliore provincia e quindi tanto lo so che un giorno tornerò.
– i milanesi che in altri luoghi si sentivano minoranza ma a Milano potevano finalmente costituirsi in maggioranza.
– i milanesi che ci facciamo il culo per tutti e che senza il coraggio delle nostre imprese l’Italia affonda.
– i milanesi che stramazzano al suolo alle dieci di sera ogni giorno ma guarda che Milano è piena di opportunità, esci, fai cose e vedi gente.
– i milanesi che continuano ad essere milanesi anche molti anni dopo che hanno abbandonato Milano e allora tutti dicono guarda che qui non sei più a Milano tesoro!

Insomma grazie a quel sentimento così speciale che è la milanesità e che prima o poi, tardi o presto, vecchio o giovane, investe ognuno di noi.

Microclisma: E tu, che milanese sei? O meglio, che milanese sarai dopo aver letto questo libro?

Copywriter, autrice e giornalista Laureata Magistrale in Lettere e Filosofia con Master in Comunicazione e specializzazione in Copywriting.

1 Commento

Rispondi a alabarda Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *